L’Istituto Modartech su Rai 2 con la collezione “musicale e responsabile” di Costanza Grassini

L’Istituto Modartech su Rai 2 con la collezione “musicale e responsabile” di Costanza Grassini

Dalle aule di Modartech al piccolo schermo il passo è breve. Sarà Costanza Grassini, giovane diplomata del corso triennale in Fashion Design a farsi ambasciatrice dell’Istituto, invitata a presentare la sua collezione “Behind the scene” nel corso di due diverse trasmissioni televisive sulle emittenti Rai.

Oggi 29 Novembre Costanza è stata ospite di “Moda di Moda – I Fatti Vostri” su RAI 2 condotta da Stefano Dominella, presidente della maison Gattinoni, e sarà presente, insieme alla compagna di corso Margherita Giovanelli, nella trasmissione “Moda in Italy – L’Italia con voi” su RAI Italia che andrà in onda il 3 Dicembre.
L’alumna Modartech ha portato con sé i capi della collezione “Behind the scene”, ispirata alla musica e presentata a giugno durante il Fashion Show 2018 e recentemente a Milano durante Fashion Graduate Italia. “L’idea di ispirarmi alla melodia – spiega Costanza – nasce dalla volontà di trasformare la musica astratta in qualcosa di concreto, tangibile”.della giovane designer per note e pentagramma.

Nascono così i capi black and white ispirati a un direttore d’orchestra, a un violoncello, a una tromba e a una fisarmonica realizzati dando corpo e sostanza alla passione

Ma non è tutto: Costanza ha voluto abbinare all’ispirazione musicale una riflessione sulla sostenibilità e sulla responsabilità sociale (temi su cui hanno lavorato i laureandi del 2018 per dare corpo e senso alle loro creazioni) “Può la moda, fenomeno effimero per eccellenza, rappresentare una forma di agire economicamente responsabile? – si chiede Costanza – Ciò che indossiamo è in grado di segnalare, oltre ai gusti e alle inclinazioni personali, anche le idee e i valori di riferimento della propria vita?”. È per dare concretezza a questa riflessione che la stilista in erba ha creato i suoi abiti dando vita a un manifesto ideologico e ricorrendo all’utilizzo di dettagli presi in prestito agli strumenti musicali cui si è ispirata, come delle vere corde di violoncello, dei plettri, un vecchio spartito, un disco come cappello ma anche dei portavinile in carta trasformati in pochette e la meccanica di una chitarra trasformata in eleganti bottoni. Tutti oggetti riciclati che hanno trovato una nuova vita nella collezione “Behind the scene”. Grande attenzione anche al riutilizzo dei tessuti, come delle vecchie lenzuola “un cotone bellissimo, quasi introvabile, che dà agli abiti una consistenza che difficilmente sarei riuscita a creare con altre stoffe. Ho molto a cuore il tema del riciclo e del riuso”.

È una grande opportunità, e allo stesso tempo una grande gratificazione, per una delle nostre studentesse – commenta Alessandro Bertini, direttore dell’Istituto – quella di vedersi proiettata nel mondo della televisione. Una vetrina importante che dimostra come gli sforzi fatti per creare, dalla a alla z, una collezione contemporanea realizzata con professionalità e con una spiccata attenzione a temi attuali come la sostenibilità e la responsabilità sociale, siano ricompensati dall’attenzione che ci viene rivolta. Stimoli che fin dall’inizio del percorso di studi cerchiamo di trasmettere nel modus operandi dei designer che studiano all’Istituto Modartech, per formare una nuova generazione di stilisti pronta a innovare e reinventare il mercato della moda”.

Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per statistiche - Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione in altra maniera, si acconsente ad usare i cookies. Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi