Modartech Fashion Film “The Values”

Le collezioni dei talenti Modartech sulla passerella di Milano Fashion Week durante Fashion Graduate Italia 2020.

Le collezioni dei talenti Modartech sulla passerella di Milano Fashion Week durante Fashion Graduate Italia 2020.

Dopo la preview del Digital Fashion Show, Istituto Modartech partecipa alla Milano Fashion Week con il Fashion Film “The Values” durante Fashion Graduate Italia 2020| Digital edition, evento promosso da Piattaforma Sistema Formativo Moda in collaborazione con Camera Nazionale della Moda Italiana. In passerella le collezioni ideate dai Graduate del Corso Post Diploma Triennale di Fashion Design. Outfit che interpretano i valori dell’Istituto tra Artigianalità e Heritage, Tecnologia e Innovazione, Sostenibilità e Responsabilità sociale, Diversità e Inclusione che diventano elementi fondamentali che contribuiscono a sviluppare una coscienza critica e attenta alla contemporaneità.

Modartech Graduate Collection

CHIMNEY SWEEP SHOUT

Serena Carpita

Durante la prima rivoluzione industriale William Blake denunciava lo sfruttamento dei bambini spazzacamino, in un dualismo tra il bene e il male. La collezione vuole rappresentare un grido forte volto a denunciare gli atteggiamenti irrispettosi verso la natura, dove l’uomo deve ritrovare un equilibrio con la terra e vivere in simbiosi con l’ambiente. Focus sui materiali interamente sostenibili: tessuti di canapa, bamboo, lana di pecora massese agugliata, maglia di fibra di alpaca, tessuti e denim riciclati, colorazioni sostenibili tramite carbone vegetale e allume di rocca, tinture e maglieria fatta a mano, stampe con inchiostri ad acqua.

#Handmade #Recycle #Sustainability

Giro Mondo

Martina Facente

La meta del viaggio sono gli uomini: da “L’infinito viaggiare” di Claudio Magris la collezione abbraccia diverse culture con tessuti e fantasie che viaggiano nel mondo.
Terre, colori, storie, valori si incontrano in un gioco fantasioso ed ironico dove la diversità diventa protagonista di una collezione multiculturale che coinvolge tutto il mondo con un viaggio tra i tessuti: dalla seta stampata giapponese, al tartan scozzese, ai rigati francesi.
Focus sui materiali interamente sostenibili o riciclati con fibre naturali ed animali.

#Diversity&Inclusion #Sustainability

blank

Side effect

Gemma Roventini

Il malessere del nostro tempo, il bisogno di voler esprimere il proprio essere dove sentimenti positivi si alternano a momenti di confusione e disordine. La collezione vuole esprimere il lato oscuro di ognuno di noi dove l’arte e il disegno danno voce a quanto non si può esprimere con le parole e dove i colori scuri regnano incontrastati, spezzati da toni a contrasto bianchi e tocchi di rosso, simboli di rinascita. Focus sui tessuti decorati con pitture realizzate a mano sui capi, visti come una tela intonsa, e sulle lavorazioni di agugliatura.

#Diversity&lnclusion #Craftmanship
blank

Look Over

Giulia Barbieri

L’attenzione alle tematiche della pluralità culturale e dell’integrazione si riflettono sui capi della collezione. Outfit che si ispirano al “Prada Mode” ed allo stesso tempo richiamano l’atmosfera jazz e blues dell’Harlem del ‘900 dove emergono i primi artisti e scrittori di colore durante l’era del proibizionismo e degli speakeasy. Una collezione che valorizza la libertà e l’unicità artistica e culturale. Focus sui tessuti in lana, con vari check e mix and match. Artigianalità e ricercatezza attraverso le lavorazioni in maglieria, crochet e accessori in pelle interamente realizzati a mano e applicazione di etichette termoadesive.

#Diversity&Inclusion #Handwork
blank

Lily Miriam

Silvana Giglio

C’era una volta Miriam, una ragazza coraggiosa, forte e indipendente e appassionata di fiori che diventa la musa ispiratrice della collezione. Una primavera senza confini che accende i capi con colori brillanti e fantasie floreali e dove l’artigianalità si unisce allo sportswear. Il giglio troneggia sui capi, quale simbolo della purezza d’animo. Focus sui ricami e le applicazioni floreali in uncinetto fatti a mano, stampe con inchiosti ad acqua, colorazioni naturali e dipinti su taffetà realizzati su tessuti sostenibili o riciclati.

#Handwork #Sustainability
blank

Handmade Dreams

Alice Audisio

Una collezione che rende omaggio al cinema: dalla filmografia del regista Federico Fellini attraversando Cinecittà, Hollywood e Bollywood. Un viaggio di forme e colori che richiamano le atmosfere de “La dolce vita” passando per i colori e le luci dell’India tra ibridazione e decontestualizzazione di forme e materiali. Collezione sportswear dal sapore vintage caratterizzata da materiali tecnici e silhouette morbide. Focus sui ricami fatti a mano, sulle stampe, sulla ricerca dei materiali e sulle calzature reinterpretate e personalizzate a mano artigianalmente.

#Heritage #Craftmanship #Recycle
blank

Mana

Federica Barsetti

Mana come forza interiore, come diversità e inclusione di genere. Capi unisex funzionali che mixano tecnologia e innovazione e prendono ispirazione dal rigore delle divise di lavoro dallo stile androgino e militare. L’estetica lascia il posto alla funzionalità con geometrie, tagli e colori netti. Focus sulla ricerca di materiali sostenibili, e riciclabili, duraturi e accessori ultratecnologici volti ad aumentare la percezione tattile, per abbattere ogni barriera fisica.

#Technology&Innovation #Inclusion #Unisex

Enkai

Laura Galli

La forza e l’arcaica eleganza della cultura africana Masai, in un messaggio di diversità, inclusione e di responsabilità verso il mondo in cui viviamo. I gioielli, le stole e gli accessori rendono omaggio al popolo keniota, donne e uomini forti e dinamici che fanno del rispetto dell’ambiente una missione di vita. Proposte che richiamano ai colori e all’eleganza arcaica della cultura africana e che mixano materiali di culture vicine e lontane. Focus su tessuti, accessori, ricami fatti a mano partendo da materiali provenienti dal Kenya e dai villaggi della capitale Nairobi, in contrasto con i tessuti tecnici color-block e accessori urban.

#Responsibility #Diversity&Inclusion #Sustainability

Occultus

Clarissa Di Renzone

Streghe, pratiche malefiche, occulto e magia nera per rappresentare la tematica purtroppo attuale della violenza sulle donne. Proposte monocromatiche in total black che si ispirano all’esoterismo richiamando il sapere oscuro e i valori negativi, incontrasto con tocchi di luce bianchi e oro. Capi in maglieria, ricami ed elementi dipinti, tutti interamente realizzati a mano. Focus su materiali e accessori eco friendly, come la pelle bio veg composta da mais e cereali, l’ovatta ricavata dalle bottiglie di plastica e i filati totalmente bio.

#Handmade #Sustainability #Responsibility